Incontro d’autore: The Pills, non l’abbiamo fatto apposta

Aperitivi con l’autore, domenica 19 giugno 2016 – Serravalle, in preparazione al lavoro di storytelling del Festival della Comunicazione di Camogli assistiamo ad una serie di eventi organizzati dalla direzione del festival in collaborazione con Serravalle Designer Outlet.

L’incontro si apre con un’introduzione di Danco Singer che presenta al pubblico gli ospiti, Matteo Corradini e Luigi di Capua, due dei tre componenti del trio The Pills e la moderatrice nonchè direttrice del festival Rosangela Bonsignorio.

Veniamo catapultati in un vortice di domande e risposte che mettono in evidenza il carattere complementare dei due componenti del trio presenti, Luigi più serio e posato, Matteo meno rilassato e sempre con la battuta pronta. Raccontano la genesi del loro progetto, spiegandone gli sviluppi e le evoluzioni che li hanno portati dal web al piccolo (non ce la faremo mai/stracult) e grande schermo (sempre meglio che lavorare).

Gli argomenti spaziano dal loro rapporto con le parolacce ed il linguaggio scurrile, mai fine a se stesso ma sempre contestualizzato all’interno dello sketch, al loro sostrato culturale e l’influenza della televisione americana/italiana tra le righe dei loro testi che si rivelerà, da un lato molto presente la componente della commedia italiana, dall’altro una gara contro i Simpson che con il loro stile unico hanno già raccontato molto, anzi troppo facendo cadere gli autori in un costante “l’hanno già fatto i Simpson”.

the pills fstival comunicazione 2016 serravalle

Alla domanda sul cosa vuol dire essere degli Youtuber, Matteo trasalendo spiega che loro non accettano questa categorizzazione, non sentendosi per nulla facenti parte della categoria, spiegando che il loro lavoro si basa su una serie di Sketch che utilizzano youtube soltanto come piattaforma per essere fruiti (tant’è che gli utlimi sono presenti solo su facebook) e non la utilizzano come social network o piattaforma di interazione e vlogging (video-blogging). Alla conseguente domanda allora sul come creare una web serie di grande successo come la loro rispondono ironicamente insieme “non lo sappiamo, non l’abbiamo fatto apposta, scusate”.

In buona sostanza quello che trapela dalle loro parole è il fatto che  siano  grandi comunicatori con uno stile del tutto unico, la loro scrittura è riuscita a portare un argomento delicato come quello trattato nello sketch La tipa wild, la normalità di una ragazza affetta da sindrome di Down, senza creare polemiche sterili e buoniste, ma anzi con il sostegno di tutte la categoria e le associazioni che la sostengono come l’Anpi, che anzi ha collaborato alla realizzazione.

Tra una battuta su Magalli e una richiesta di paternità da parte di Matteo, si arriva a parlare dei loro progetti per il futuro che li vedranno impegnati in una nuova collaborazione con la Rai e Stracult senza mai dimenticare la loro attività sul web che li vede liberi di scrivere e parlare senza tutti i limiti legati alle richieste di un produttore esterno.

Lasciamo questi trentenni adolescenti con il sorriso sulle labra e la voglia di rincontrarli al Festival per poter continuare a parlare di loro e con loro.

 

 

 

 

 

Primo Vanadia

Nato a Palermo, appena finito il liceo si trasferisce a Milano, laureato in comunicazione e pubblicità. Fotografo, content media manager ed aspirante giornalista. Fonda Arte Rivista nel 2014 e The Query nel 2016, qualcosa sta cambiando.