Tutto pronto per la Coppa d’Africa 2017

Prende il via questo sabato, 14 Gennaio, l’edizione 2017 della Coppa d’Africa.

La Coppa delle Nazioni Africane quest’anno sarà alla sua 31esima edizione. Si svolge a 60 anni esatti di distanza dalla prima edizione, che si tenne in Sudan. Molto è cambiato da allora: basti pensare che quella prima Coppa d’Africa fu disputata solamente fra 3 squadre, ossia il Sudan, che ospitava l’evento, l’Egitto e l’Etiopia. A vincere il trofeo in modo agevole fu l’Egitto, 4-0 in finale sull’Etiopia.
Oggi, invece, la Coppa d’Africa è un torneo molto strutturato: si tiene ogni due anni, ci sono i gironi di qualificazione per accederci, ed il tabellone è composto da 4 gironi per un totale di 16 squadre, come gli Europei fino al 2012.

L’edizione di quest’anno è ospitata dal Gabon, anche se in precedenza era stata assegnata al Sud Africa. Tuttavia, il Sud Africa aveva ospitato l’edizione 2011 al posto della Libia. Il paese nordafricano era stato la prima scelta per ospitare la competizione, ma il conflitto in corso costrinse la Caf (Confédération Africaine de Football) a rinviare al 2017 l’edizione libica del torneo. Sfortunatamente la situazione in Libia non è cambiata, e il Gabon è stato scelto per ospitare i campionati di calcio africani di quest’anno.

La partita inaugurale, che si terrà alle 17 di Sabato 14 Gennaio, vedrà scendere in campo la squadra di casa, come da tradizione. La prima partita del torneo sarà infatti Gabon – Guinea-Bissau.
Ecco come si compongono i gironi di questa edizione:

Per quanto riguarda il Gruppo A, il Gabon vorrà sfruttare l’occasione di giocare in casa, e l’obiettivo minimo è il passaggio del turno. La speranza delle pantere è ovviamente Pierre-Emerick Aubameyang, attaccante del Borussia Dortmund e giocatore più forte del continente. Non sarà facile, perché il Camerun è sempre una buona squadra, e perché il Burkina Faso è stato finalista (perdente) dell’edizione 2013 e non avrà altre occasioni di ripetersi, con questo gruppo di giocatori arrivato all’ultima occasione, anche per limiti d’età. La Guinea-Bissau è quella che potremmo definire “squadra cenerentola” del torneo.

Nel gruppo B, Algeria e Senegal partono un passo avanti rispetto a Tunisia e Zimbawe, ma la Tunisia ed il Senegal se la giocheranno probabilmente fino all’ultimo per il secondo posto. Grande favorita del girone è l’Algeria, che si presenta a questa edizione della Coppa d’Africa con una squadra fortissima. In pochi possono permettersi un reparto di attaccanti composto da: Brahimi, Ghezzal, Slimani, Mahrez e Soudani. Questo sarà però, a detta di tutti, il vero e proprio “girone di ferro” della competizione, quindi occhio alle sorprese!

Nel Gruppo C la Costa d’Avorio campione in carica, pur senza i nomi storici di Didier Drogba o Yaya Toure, o di due degli ultimi Campioni d’Africa, Gervinho e Doumbia, sembra essere la favorita. Grande interesse per Franck Kessié, centrocampista rivelazione che milita nella nostra seria A, con l’Atalanta. Il Marocco potrebbe essere la seconda forza, anche se negli ultimi anni ha raccolto solo delusioni. Il Togo si affiderà al talento di Adebayor, disoccupato di lusso, mentre la Repubblica Democratica del Congo spera di ripetere gli ottimi risultati del Chan (Championnat d’Afrique des nations), torneo “parallelo” alla Coppa d’Africa, vinto proprio dalla compagine centroafricana nell’ultima edizione.

Infine, il Gruppo D è quello “più titolato” dell’intero torneo. Ghana ed Egitto, oltre ad essere due delle favorite, come sempre, per la vittoria finale, sono anche la nazioni con più trofei: 4 per il Ghana, 7 per l’Egitto. Il Ghana per i non addetti ai lavori è forse la formazione che contiene i nomi più conosciuti: Acheampong, Mensah, Badu, Acquah, Asamoah Gyan e i fratelli Ayew. L’Egitto invece può contare su Mohamed Salah, il fortissimo esterno d’attacco della Roma, e sulla guida tecnica di un grande allenatore come Hector Cuper. Tuttavia, nessuna delle due ha la certezza di passare il turno. Il Mali, infatti, è una delle squadre più costanti del nuovo millennio in Coppa d’Africa: praticamente sempre nei primi 4 posti dal 2000 in poi, senza però mai acciuffare la finale. La stella della squadra sarà Bakari Sako. L’Uganda sembra invece relegata al ruolo di vittima sacrificale del girone.

La Coppa d’Africa sarà uno degli eventi sportivi più seguiti di quest’anno. Per chi ha Sky, le gare saranno trasmesse dal canale Fox Sport.

Giorgio Di Leo

Giorgio Di Leo

Classe 1992, nato e cresciuto (ahimè!) nella provincia di Milano. Laureato in Scienze Politiche. Aspirante giornalista e amante del calcio e del basket, non posso che stravedere per Federico Buffa.