Obama nomina il primo ambasciatore americano a Cuba

Giornata storica quella odierna nei rapporti tra Stati Uniti e Cuba.
Barack Obama, in uno dei suoi ultimi atti da Presidente, ha infatti nominato il diplomatico Jeffrey DeLaurentis ambasciatore degli Stati uniti presso l’isola di Cuba.

DeLaurentis sarà il primo a ricoprire l’incarico da oltre 50 anni, da quando cioè i rapporti tra gli USA e il governo comunista di Castro erano definitivamente cessati. La politica di riavvicinamento tra Stati Uniti e Cuba, fortemente cercata da Obama e cominciata nel Dicembre 2014, procede dunque per la sua strada, nonostante l’opposizione dei repubblicani al Senato statunitense.

I senatori repubblicani, tra cui Marco Rubio, uno dei rivali di Trump alle primarie del partito, si sono opposti alla nomina e sostengono vada bloccata, «almeno fino a quando il governo di Castro non farà significativi e irreversibili progressi nel campo dei diritti umani e della libertà politica per il popolo cubano.»

Secca e chiarissima la risposta del Presidente Obama: «La nomina di un ambasciatore è un passo di buon senso verso una relazione più normale e produttiva tra i nostri due Paesi. Avere un ambasciatore renderà più facile difendere i nostri interessi e renderà più profonda la nostra comprensione anche quando sappiamo che continueremo ad avere differenze di opinioni con il governo cubano.»

Giorgio Di Leo

Giorgio Di Leo

Classe 1992, nato e cresciuto (ahimè!) nella provincia di Milano. Laureato in Scienze Politiche. Aspirante giornalista e amante del calcio e del basket, non posso che stravedere per Federico Buffa.