L’ultimo discorso di Barack Obama

Barack Obama ha tenuto il suo ultimo discorso da Presidente degli Stati Uniti d’America. È ormai prossima la data del 20 Gennaio, giorno in cui il 44esimo presidente della storia del paese lascerà l’incarico. Il suo successore, come tutti sappiamo, sarà il repubblicano Donald Trump.

Per il suo ultimo discorso da Presidente, Obama ha scelto la città di Chicago. La stessa Chicago nella quale, nell’ormai lontano 2008, aveva annunciato a tutti la sua vittoria. Una vittoria che sarà ricordata in eterno, più di tante altre, perché per la prima volta il popolo americano aveva scelto un presidente di colore.

Obama ha dedicato una piccola parte, quella iniziale, del suo discorso ad elencare i suoi successi. Si è detto soddisfatto della sua esperienza alla Casa Bianca, sottolineando l’importanza di alcuni risultati raggiunti sotto la sua presidenza: il superamento della crisi economica, l’uccisione di Bin Laden, la riforma sanitaria, la legalizzazione dei matrimoni gay e l’accordo sul nucleare con l’Iran, tra gli altri.

La restante parte del suo intervento, Obama l’ha dedicata ad elencare i motivi che hanno portato alla vittoria di Trump alle scorse elezioni. Motivi che sono la vera preoccupazione di Obama. In particolare, si è detto preoccupato per le disparità economiche, le divisioni razziali e la chiusura sociale. Problemi che anche nel 2016 hanno creato caos negli Stati Uniti. E che in questo 2017 rischiano di essere esasperati sotto la presidenza Trump.

Dopo le lacrime mentre ringraziava la sua famiglia, Obama ha chiuso alla sua maniera:
«Yes we can, Yes we did, Yes we can!»

 

Giorgio Di Leo

Giorgio Di Leo

Classe 1992, nato e cresciuto (ahimè!) nella provincia di Milano. Laureato in Scienze Politiche. Aspirante giornalista e amante del calcio e del basket, non posso che stravedere per Federico Buffa.