La violenza è come un labirinto: entrare è facile, uscire no. #stannefuori!

Questo lo slogan dell’installazione, un vero e proprio labirinto, che verrà allestito il 25 e 26 novembre nella Galleria Vittorio Emanuele a Milano, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Il labirinto nasce dall’idea degli studenti dell’Istituto Europeo di Design, poi sviluppata e realizzata da SVS DAD Onlus, Caritas Ambrosiana e Soccorso Violenza Sessuale e Domestica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico nell’ambito del progetto realizzato per il Comune di Milano, che coordina la Rete Antiviolenza di Milano.

Il progetto “Il Labirinto della violenza” è un percorso esperienziale, dove il pubblico potrà sperimentare come da un rapporto apparentemente accettabile si possa passare ad abusi di ogni tipo, dal verbale/psicologico al fisico. All’interno verrà illustrato il tortuoso procedere di atti, frasi, sottintesi che si autoalimentano: tutti indizi sottili, spesso ambigui, che innescano un circolo vizioso dal quale è sempre più difficile uscire. Chi è maltrattato, infatti, spesso non riconosce i segni premonitori di un comportamento destinato a diventare violento e fuori controllo.

Con questa iniziativa si è cercato di lanciare un forte messaggio, soprattutto ai giovani, immersi in una società dove purtroppo la violenza viene spesso giustificata o sminuita: “Il contrasto alla violenza deve partire dai più giovani, addirittura dai bambini, ai quali bisogna trasmettere i valori del rispetto, dell’autonomia e della fiducia nelle relazioni di coppia. Spesso gli adolescenti non riconoscono i segnali che preannunciano lo svilupparsi di un rapporto non sano, come l’estrema gelosia, il possesso morboso, che vengono invece scambiati per segni di amore vero.” Queste le parole decise di Claudia Di Palma, Coordinatrice SVS Donna Aiuta Donna Onlus, l’associazione che dal 1997 affianca il Soccorso Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) presso la Clinica Mangiagalli di Milano.

Il 23 novembre è stato lanciato inoltre il sito www.stannefuori.it , che offre informazioni concrete e indirizzi a cui rivolgersi per uscire dal tunnel della violenza, sia per la vittima, sia per chi è a conoscenza di una situazione di violenza e non sa come intervenire (amici della vittima, i genitori, gli insegnanti).

 

immagine

Caterina Lumia

Caterina Lumia

Milanese di adozione, studentessa di psicologia, accompagno l’ironia e un bicchiere di vino alle mie passioni: arte, serie tv e letteratura. Personalità eclettica in cerca di stimoli, mi dedico a raggiungere i miei sogni, che profumano di mare, viaggi e culture differenti.