La NASA a sostegno della lotta contro il cancro

Spazio e lotta contro il cancro. In apparenza queste due nozioni non hanno nulla in comune per noi: da una parte qualcosa che vorremmo tutti conoscere più a fondo, che ci porta a sognare; dall’altra qualcosa che nessuno vorrebbe essere costretto a conoscere e ad affrontare, e che affligge medici e scienziati.

Grazie alla NASA però, qualcosa in comune adesso potrebbe esserci. L’agenzia governativa responsabile del programma spaziale degli USA e della ricerca aerospaziale è infatti scesa in campo a sostegno della lotta contro il cancro. È recente infatti la notizia che i ricercatori del JPL (Jet Propulsion Laboratory) metteranno a disposizione i loro algoritmi e i loro calcolatori per gli scienziati del National Cancer Institute (NCI) degli USA.
Algoritmi che verranno utilizzati per una raccolta di dati anonimi su biomarker tumorali e la loro elaborazione, con l’intento di renderli accessibili più facilmente ai ricercatori.

La collaborazione sarà su base quinquennale, e non sarà positiva solo per l’NCI: anche alla NASA ricaveranno dei benefici da questa situazione, in quanto la collaborazione sarà una grande opportunità per perfezionare la tecnologia dei calcolatori e sviluppare ulteriormente le capacità di analisi dei dati.

Giorgio Di Leo

Giorgio Di Leo

Classe 1992, nato e cresciuto (ahimè!) nella provincia di Milano. Laureato in Scienze Politiche. Aspirante giornalista e amante del calcio e del basket, non posso che stravedere per Federico Buffa.