Italia giovane e grintosa agli europei di Amsterdam2016

Sono stati cinque giorni intensi quelli degli europei di atletica leggera svoltisi ad Amsterdam. Cinque giorni che ci hanno mostrato una squadra italiana giovane e grintosa, ottimo antipasto continentale in vista delle Olimpiadi di Rio.

L’Italia torna a casa con sette medaglie: i due ori conquistati dai due capitani, Tamberi e Grenot, l’argento di Veronica Inglese nella mezza maratona femminile, il bronzo di Daniele Meucci nella stessa disciplina al maschile, il bronzo nella staffetta 4×400 donne, l’argento femminile e il bronzo maschile nella mezza maratona a squadre.

Amsterdam 6-10/07/2016 Campionati Europei di Amsterdam - Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo
Gianmarco Tamberi dopo la vittoria nel salto in alto

“Sono onorato di essere stato il capitano di una squadra giovane e determinata- dice Gianmarco Tamberi dopo l’oro nel salto in alto- Il simbolo di questo team secondo me è Ayomide Folorunso. Avete visto con che grinta è scesa in pista nella finale dei 400hs? Ha lottato con i denti fino alla fine. Ecco sono questi i giovani brillanti e grintosi dell’atletica italiana!”

AFP_D058S_articolo
Daniele Meucci durante la corsa della mezza maratona

Peccato per la Folorunso, che nonostante la carica sfiora il podio: “mi mangerei le mani per questi 9 centesimi che mi sono costati il podio. L’atletica delle grandi è un’altra storia rispetto a quella dei giovani ed è qui che voglio stare. Non c’è solo l’atletica nella mia vita, però. Studio Medicina e mi piacerebbe diventare la pediatra più brava del mondo. E adesso l’Olimpiade di Rio…sì non vedo l’ora!”

 

europei-atletica-amsterdam-2016-programma-6-luglio

 

Incontenibile Libania Grenot che dopo la medaglia nella 4×400 esprime tutta la sua euforia:”Una medaglia con la 4×400, ci ho sempre creduto e ho lottato insieme a queste splendide ragazze per farla diventare realtà. Saluto Amsterdam con due medaglie al collo e, da capitana di questa squadra, non posso che esserne orgogliosa. E adesso tutte a Rio, ora c’è una corsia riservata per noi che ci aspetta!”

gettyimages-545769486
Veronica Inglese, argento nella mezza maratona femminile

Delusione per le atlete del salto in alto Alessia Trost e Desirée Rossit che escono di scena nel momento in cui inizia la vera ascesa verso le medaglie e non riescono superare l’asticella all’1,93.

 

 

in copertina: Le atlete della 4x4oo: Maria Benedicta Chigbolu, Maria Enrica Spacca, Chiara Bazzoni e Libania Grenot

Foto da fidal.it

Giorgia Prina

Giorgia Prina

Laureanda in Lettere moderne a Milano, cerca sempre nuovi modi per viaggiare e per conoscere il mondo. Sogna un futuro con lo zaino in spalla e una penna in mano.