Game of Thrones 6, parte seconda – il gran finale

Quando “The Winds of Winter” verrà trasmessa nella sua versione doppiata su Sky Atlantic, la sesta stagione di Game of Thrones sarà ufficialmente conclusa. Se i fan de Il Trono di Spade non fossero già abbastanza in lutto, si aggiunge il fatto che ormai mancano solo tredici episodi, suddivisi in due stagioni, alla fine dell’intera serie.

Qualche settimana fa, dopo il quinto episodio, abbiamo fatto il punto della prima parte della stagione. Oggi ci concentreremo sulla seconda parte della season 6, per tirare un po’ le fila e capire quello che sta succedendo e potrebbe succedere in quel di Westeros. Chiaramente, se non siete al passo con la programmazione americana, occhio agli spoiler!

Dopo il trauma di “Hold the door”, la 6×06 regala una piccola gioia agli spettatori: il ritorno di zio Benjen Stark, la cui trasformazione in non morto è stata arrestata grazie all’intervento dei Figli della Foresta ed ora è pronto ad aiutare suo nipote Bran e Meera Reed a raggiungere la Barriera. Benjen ci dice anche che Bran è il nuovo Corvo a Tre Occhi, e che deve tornare a Grande Inverno per ricoprire il ruolo fondamentale che avrà nella prossima guerra contro gli Estranei.

bfb60b51dc59f346_benjen

Questa è stata la stagione dei grandi ritorni: dopo Rickon e Osha, e successivamente Benjen, ritroviamo anche uno degli uomini più odiati dei Sette Regni e di Hogwarts, Walder Frey (alias Mastro Gazza), che ha perso Delta delle Acque, riconquistata dal Brynden “Pesce Nero” Tully, e deve ora riconquistarla con l’aiuto dei Lannister. Ad Approdo del Re,  dopo il non avvenuto Cammino dell’espiazione di Margaery (SHAME! Il popolo maschile è ancora in lutto) e la non avvenuta carneficina di Passeri del Credo Militante, è Jaime il prescelto da Re Tommen per andare ad aiutare ai Frey a riprendere Delta delle Acque. Qui ritroviamo Edmure e Brynden Tully, grandi assenti sin dalle Nozze Rosse. L’altro grande e attesissimo ritorno è quello del Mastino Sandor Clegane, dato per morto alla fine della quarta stagione. Non sappiamo quale sarà il suo ruolo nella guerra a venire, ma Beric Dondarrion e Thoros di Myr, altre due piacevoli ricomparse, lo convincono a seguire la Fratellanza senza Vessilli.

BN-OI498_hound_J_20160605220631

È stata anche la stagione del girl power. A partire da Daenerys, che è ormai una leader con sempre più seguito. Si allea con i Greyjoy, guidati non da Theon, ma dalla sorella Yara, e successivamente con i Tyrell e i Martell, guidati rispettivamente da Olenna e da Ellaria Sand e le Serpi delle Sabbie, che bramano vendetta nei confronti di Cersei Lannister. Cersei che, accecata dalla sete di vendetta e potere, è pronta a dare alle fiamme Approdo del Re e sacrificare tutto, persino l’unico figlio rimasto. Tutto, pur di riavere il potere e regnare finalmente dal Trono di Spade, e non alle spalle degli uomini.

lvladies23f

È anche la stagione di Sansa, non più la ragazzina ingenua e spaurita delle prime stagioni, ma una donna forte, determinata a riprendersi la sua casa. Ed è colei che salva la situazione durante la guerra con i Bolton, rivelandosi fondamentale per la vittoria. È la stagione di Arya, che smette di essere Nessuno e ritrova se stessa. Arya Stark di Grande Inverno sta tornando a casa, ma non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe prima, come per esempio uccidere i figli Frey e servirli per cena al vecchio Walder, poco prima di tagliargli la gola da parte a parte. Tra tutte queste fortissime donne spicca anche una nuova Lady: la piccola Lyanna Mormont. Piccola sì, ma talmente fiera da mettere a tacere una sala piena di lord.

Arya-Stark-killing-Walder-Frey-Game-of-Thrones

 

La situazione alla fine della 6×10 è questa: Cersei si è proclamata Regina dei Sette Regni, ma ha bruciato con l’Altofuoco mezza capitale, proprio come aveva intenzione di fare il Re Folle Aerys Targaryen prima che Jaime lo fermasse uccidendolo, guadagnandosi l’appellativo di Sterminatore di Re. Questo potrebbe seriamente minare il rapporto fra i due fratelli-amanti, rendendo finalmente chiara a Jaime la precaria situazione mentale di sua sorella.

how-cersei-lannister-changed-game-of-thrones-in-that-one-scene-1038489

Tramite una visione di Bran, la teoria R+L=J è confermata. Jon Snow non è figlio di Ned Stark, ma di sua sorella Lyanna e di Rhaegar Targaryen (fratello maggiore di Daenerys) e Ned ha sempre mantenuto il segreto per proteggerlo. Jon però, dopo essersi ripreso Grande Inverno da Ramsay Bolton, è stato acclamato da Lady Lyanna e dagli altri lord Re del Nord, con l’appellativo di Lupo Bianco. La situazione potrebbe farsi complicata, staremo a vedere.

game-of-thrones-610-jon-snow-screencap_1920.0

Daenerys, dopo ben sei stagioni, è finalmente salpata alla volta di Approdo del Re con il Primo Cavaliere Tyrion Lannister, con il suo esercito di Immacolati ed il suo enorme khalasar, e con le navi di Greyjoy, Martell e Tyrell. Ed è determinata a riprendersi il Trono di Spade. Il regno di Cersei Lannister potrebbe rivelarsi estremamente breve.

maxresdefault

Dany e Jon si incontreranno e si alleeranno per sconfiggere prima Cersei e poi gli Estranei? Bran riuscirà a raggiungere Grande Inverno e a comunicare a Jon Snow la sua vera identità? Lo scopriremo solo fra un anno. Ma nel mentre ricordate,

WINTER IS HERE.

Beatrice Cois

Beatrice Cois

Nata a Cagliari, si trasferisce a Milano per seguire il suo amore per il cinema, la televisione e la scrittura. Qui si laurea in Comunicazione, Media e Pubblicità e si iscrive alla magistrale in Editoria, Comunicazione e Moda. In cerca della sua strada.