I 6 festival musicali dell’estate per sentirsi giovani

Estate: tempo di bikini, tintarella, balli sulla spiaggia e musica. Ma intendiamoci: non il solito tormentone che chihuaha e aserejè e vamos a la playa e vorrei ma non posto. Parliamo di musica seria, da concerto, o meglio, da festival.

Perché l’estate non è solo Riccione e Cocoricò, ma anche festival musicali sparsi in tutto il globo terracqueo: una settimana intensa, fatta di tenda e musica non stop in mezzo al deserto, o al fango, o su un’isola.

E allora andiamo a vedere quali sono i festival musicali estivi più famosi, quelli che farebbero strillare di gioia e saltellare la te sedicenne, ma che, diciamo la verità, spezzano la schiena alla te quasi trentenne che dorme in tenda una settimana.

 

Coachella Festival

Forse il festival più celebre, si svolge ad aprile in mezzo al deserto del Colorado. Tre giorni di musica pop-rock che raccolgono il più alto tasso concentrato di vip e influencer della moda, tanto da aver dato vita a un vero e proprio style (H&M ha creato ad hoc la collezione Coachella: vestiti floreali cortissimi, piume, shorts, crop top; per te che sei povera e non puoi andare in America per il festival, ma ti vuoi sentire comunque una Taylor Swift nostrana).

Coachella-2016

coachella-ferris-wheel

 

Glastonbury Festival

Nel Somerset, Inghilterra, cinque giorni di fine giugno all’insegna della musica, con nomi di un certo calibro quali Florence and the Machine, The Who, Patti Smith, Adele e il Dalai Lama (sì, c’è andato anche lui). E fango. Tanto fango. Se Coachella è un vestito a fiori, Glastonbury vuol dire solo una cosa: galosce da pioggia. Ogni british celebrity che passa dal festival ha indosso gli stivali di gomma, diventati uno status symbol del Glasto (d’altronde siamo in Inghilterra, la pioggia è scontata).

GLASTONBURY, ENGLAND - JUNE 25: People gather to watch the sun set at Worthy Farm in Pilton on the first day of the 2014 Glastonbury Festival on June 25, 2014 in Glastonbury, England. Gates opened today at the Somerset dairy farm that plays host to one of the largest music festivals in the world. Tickets to the event, which is now in its 44th year, sold out in minutes even before any of the headline acts had been confirmed. The festival, which started in 1970 when several hundred hippies paid £1, now attracts more than 175,000 people. (Photo by Matt Cardy/Getty Images)
Photo by Matt Cardy/Getty Images

 

 

glasto
Line up del Glastonbury 2016

 

tumblr_n7y5sygDXy1tcj68yo1_500
Sophie Turner, aka Sansa Stark di Game of Thrones, assidua frequentatrice di Glastonbury

 

Sziget Festival

A Budapest, su un’isoletta in mezzo al bel Danubio blu, ad agosto si svolge uno dei festival più in voga degli ultimi anni, nato come una vetrina per gruppi locali e diventato un palco per musicisti internazionali.

Quest’anno i nomi grossi sono Muse, Sia e Rihanna, accompagnati da altri 60 fra gruppi e artisti, distribuiti su altrettanti palchi.

Anche qui la tenda è d’obbligo (attenzione alla schiena!).

img61777_8a2aa725fe7a8f17cc826e1a2ecfe152_1980x820c

Sziget-Festival-2016-programma-concerti-810x553

1454934812

Pistoia Blues Festival

Arriviamo in Italia, dove in realtà la cultura del festival da tenda e campeggio non esiste (è proprio vero: siamo un nazione di vecchi).

Uno dei festival musicali più famosi è però quello che si tiene a Pistoia. I concerti non sono in un prato in mezzo al nulla, ma nella piazza del Duomo o nei teatri in caso di pioggia (mica come a Glastonbury, barboni!) e si svolgono nella seconda settimana di luglio, con artisti quali Mika, i The National, Skunk Anansie e in gran finale Damien Rice per l’edizione 2016.

A quando un festival italiano sullo stile anglosassone che ci faccia sentire giovani, spensierati e con la bronchite?

pistoia-blues-festival-2016

pistoia-blues-2

Pistoia-Blues-Festival-2016-660x330

 

 

Lost Theory

L’atmosfera è da comune hippy anni ’70, le droghe pure. Una settimana d’agosto in mezzo ai boschi e ai torrenti della Croazia (ma quest’anno la location è in Spagna). Quattro palchi in legno tutti costruiti a mano con ambientazioni diverse, la musica è genere psy-trance, un misto tra musica elettronica ed etnica. Direttamente usciti da Woodstock, ovunque ritroviamo hippies, rasta e viaggiatori provenienti da tutti il mondo, che seguono tutta estate i festival di psy-trance. Si respira un’aria rilassata e amichevole..o forse è la droga.

line_up_Lt_20016

chill-out

aw

Lost Theory Festival 170813

Rock en Seine

Cinque palchi situati in un parco a sud di Parigi a fine agosto. E’ un festival più tradizionale: niente campeggio e tende, ti bevi la tua birra e mangi street food caro come il fuoco. Ovviamente, essendo in Francia, non può mancare un bel bar à vin con sedie, tavolini e piatti tipici, cioè una bella raclette o tartiflette da gustare bollenti sotto il sole a 40° di fine estate. Quest’anno nomi importanti come Iggy Pop e Sum41.

rock-en-seine-2016

rock-seine-106-4_w500

artist_81_20160318022726_8abf0e81

 

 

BONUS – Festivalbar

E’ vero, non era un festival vero e proprio e ormai sono anni che è scomparso, ma le compilation rosse e blu e l’attesa per la finale all’Arena di Verona, ancora ce le sogniamo.

 

Li ho detti tutti? Ovviamente no! Esistono ancora un’infinità di festival musicali in giro per il mondo! Tu quali conosci? Scrivili nei commenti!

Flavia Irene Gatti

Flavia Irene Gatti

Nata fra i laghi bergamaschi. Cresciuta a pane e Guccini, libri e film. Mi laureo in Lettere moderne e nel frattempo scopro le serie tv. Vorrei viaggiare per scrivere e scrivere per viaggiare.

One thought on “I 6 festival musicali dell’estate per sentirsi giovani

Comments are closed.