Tutti i candidati al LXX Premio Strega

Prende il via il LXX Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il patrocinio di Roma Capitale . Alla chiusura delle candidature le opere presentate sono 27, sono state selezionate dagli Amici della domenica, lo storico corpo votante che dal 1947 attribuisce il riconoscimento a un libro di narrativa italiana pubblicato tra il 1° aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso. Per la prima volta figura un’opera autopubblicata digitalmente sul portale Amazon.

Il 14 aprile verrano selezionate le 12 opere che proseguiranno verso la finale del Premio.

Questi i libri presentati:

-L’uomo del futuro (Mondadori) di Eraldo Affinati

-La scuola cattolica (Rizzoli) di Edoardo Albinati

-Viaggio in bianco e nero (Il Foglio) di Alessandra Altamura

-La notte delle falene (Amazon Publishing) di Riccardo Bruni

-Dove troverete un altro padre come il mio (Ponte alle Grazie) di Rossana Campo

-Quaderni di un terrorista (. Biblioteca dei Leoni) di Giano Corte Moschin

-Notturno bizantino (La Lepre) di Luigi De Pascalis

-Non adesso, per favore (Marsilio) di Annalisa De Simone

-Dalle rovine (Tunué) di Luciano Funetta

-La casa blu (e/o) di Massimiliano Governi

-La guerra è finita (Round Robin) di Lucia Guarano

-Le streghe di Lenzavacche (e/o) di Simona Lo Iacono

-Miracolo a Piombino (Historica) di Gordiano Lupi

-La reliquia di Costantinopoli (Neri Pozza) di Paolo Malaguti

-Quando Roma era un paradiso (Skira) di Stefano Malatesta

-Il cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax) di Giordano Meacci

-L’addio (Giunti) di Antonio Moresco

-Conforme alla gloria (Voland) di Demetrio Paolin

-Quel fiume è la notte (Fandango) di Flavia Piccinni

-Quasi morta (Anordest) di Amy Pollicino

-La figlia sbagliata (Frassinelli) di Raffaella Romagnolo

-Il fischio finale (Gilgamesh) di Davide Rubin

-Il paese dei segreti addii (Hacca) di Mimmo Sammartino

-L’allegro manicomio (Felix Krull) di Lodovica San Guedoro

-Se avessero (Garzanti) di Vittorio Sermonti

-La femmina nuda (La nave di Teseo) di Elena Stancanelli

-La sumera (Fazi) di Valentino Zeichen

Primo Vanadia

Nato a Palermo, appena finito il liceo si trasferisce a Milano, laureato in comunicazione e pubblicità. Fotografo, content media manager ed aspirante giornalista. Fonda Arte Rivista nel 2014 e The Query nel 2016, qualcosa sta cambiando.